Gabriele Buratti in mostra alla Libreria Bocca

La Libreria Bocca ospita dal 25 ottobre al 5 novembre la personale di Gabriele Buratti.

 Dal linguaggio rupestre a  quello delle macchine, la semiologia, ha fatto un salto che allontana l’uomo dal  mistero del sacro. Se gli uomini delle caverne inventarono il primo linguaggio  per esigenze tribali-sacrali, quello odierno dei codici (a barre) è il  simbolo della prevaricazione dalle leggi di mercato su quelle   dell’etica.

 L’artista scende nel profondo,  evocando immagini che appartengono a tutti, attraverso la sua accurata tecnica  pittorica a olio su tavola, fatta di elature e graffiature producendo  atmosfere rarefatte e conturbanti che rendono l’atmosfera particolarmente  interessanti.

 A differenza del passato, oggi,  l’uomo domina la natura con la sua prepotente tecnologia e così spesso la  deturpa. Un monito sul rischio che stiamo correndo sulla strada della  globalizzazione planetaria.Le immagini delle metropoli con il  loro skyline di grattacieli in cui l’uomo sembra assente… a volte compare   rappresentato da una figura di omino che guarda verso l’alto e nella  solitudine testimonia il proprio tempo, a volte compare come   animale  esprimendo così una sorta di “appartenenza” /alienazione nei  confronti della città.

Inaugurazione 25 ottobre. ore 18.00

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...