Neiade alla Scoperta di Porta Romana

neiadeQuartiere bizzarro Porta Romana! Misterioso, nostalgico; pieno di storie e leggende antiche e recenti.

Lungo viali trafficati, tra una vegetazione spontanea e disordinata, fa capolino qualche resto di mura spagnole, a ricordo di una dominazione mai sopportata tra ‘500 e ‘600. Si dice che le mura assomigliassero a un cuore…dono romantico di un re per la sua promessa sposa! Chi non si è imbattuto, girovagando nel quartiere, nelle Terme Romane? Qui oggi ci si rilassa proprio dove un tempo sorgeva la stazione funebre! Quale storia celano le chiese di Santa Maria al Paradiso e di San Calimero e il monumentale arco che domina piazza Medaglie d’Oro? Ingressi trionfali di splendide regine, mille storie che non Vi hanno mai raccontato sul quartiere più milanese che c’è. Non dimenticheremo nulla, nemmeno il Diavolo in persona!

Linea gialla, la numero 3. L’appuntamento è alla fermata Medaglie d’Oro!

Quando: sabato 13 aprile 2013 ore 15.00

Dove: piazza Medaglie d’Oro

Costo: € 22,00 a persona per visita guidata comprensiva delle offerte necessarie per ingresso chiese

Prenotazione e pagamento entro e non oltre il 5 aprile: 02 36565694 – 393 9440207 – prenotazioni@neiade.com

Il Ventaglio di Goldoni all’Elfo di Milano

logo-teatro-elfo-pucciniIl Ventaglio di Goldoni, reinventato, in scena all’Elfo di Milano, dal 2 al 14 aprile 2013.

Il regista Damiano Michieletto non ha ancora quarant’anni, ma da dieci dirige opere liriche nei maggiori teatri e festival d’Europa: dalla Fenice alla Scala, dall’Opéra Bastille al Liceu di Barcellona, fino al Festival di Saliburgo – dove è stato il più giovane regista italiano di tutti i tempi.

All’Elfo Puccini arriva con un classico del teatro di prosa, Il ventaglio, affrontato con il piglio deciso e radicale che lo caratterizza e affidato a un gruppo di giovani interpreti.

«Ho fatto una commedia di molte scene brevi, frizzanti, animate da una perpetua azione, da un movimento continuo. Vi vorrà una quantità grande di prove, vi vorrà pazienza e fatica ma vuò vedere se mi riesce di far colpo con questo metodo nuovo.

Così Michieletto presenta Il ventaglio.

“Mi piace questo testo perché è una storia d’amore sospesa nel tempo e nello spazio: non è collocata da Goldoni in uno spazio preciso, e non ci sono elementi sociali che forzano i personaggi in una determinata cornice storica. Tutto questo mi affascina perché lascia libera l’immaginazione, degli interpreti prima e dello spettatore poi.

Mi piace perché dà la possibilità di lavorare con gli attori mettendo l’accento su una recitazione fisica, per inventare personaggi che invece nella scrittura sono ritratti molto rapidamente.

Mi piace perché è una scrittura basata esclusivamente sul ritmo, capace di sintetizzare queste maschere umane in un microcosmo di relazioni tutte legate assieme.

Penso ad uno spettacolo frizzante, leggero, erotico.

Penso ad un gruppo di attori giovani, capaci innanzitutto di ascolto.

In questa, che è l’ultima grande commedia corale di Goldoni, tutto avviene per via di un semplice oggetto che passa di mano in mano con un ritmo indiavolato.

Fornace di via Gola: Nuovo Polo Culturale

mostraUn nuovo spazio in Zona 6 che sarà dedicato ad attività culturali è stato presentato oggi dall’ assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

 Lo spazio è la ex Fornace di via Gola, che è stata completamente ristrutturata e formalmente consegnata al Comune, a titolo di scomputo d’oneri urbanistici, il 26 novembre 2012. Una palazzina luminosissima su tre piani, per un totale di circa 600 mq., è stata trasformata in uno spazio polivalente da destinarsi ad attività culturali diverse, connesse al mondo della lettura ma non solo, e a questo fine è stata affidata in gestione per 12 mesi al Consiglio di Zona 6.

 “In questi 12 mesi – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno – la Zona 6 sperimenterà diverse modalità di utilizzo di questo bellissimo spazio, accogliendo anche le proposte che arriveranno direttamente da cittadini, comitati e associazioni, in base a un Regolamento di accesso che sarà approvato quanto prima.

In questo modo, lavorando fianco a fianco con la Zona, e accogliendo le indicazioni che la gestione sperimentale suggerirà, troveremo entro un anno una modalità condivisa per individuare un soggetto cui affidare questo spazio in via definitiva, con modalità di suddivisione e fruizione il più possibile vicine alle esigenze dei cittadini”.

 

Pasqua: Musei e Mostre Aperte

MILANO -Tutti i musei civici (Musei del Castello Sforzesco, Museo del Novecento , Museo di Storia naturale, Museo Archeologico, Museo del Risorgimento) rimarranno aperti in occasione della prossima festività di Pasqua, domenica 31 marzo, dalle ore 9.30 alle 17.30. Il giorno di Pasquetta, 1° aprile, i musei osserveranno invece la normale chiusura prevista il lunedì. Unica eccezione il Museo del Novecento, che aprirà nel pomeriggio dalle ore 14.30 alle 19.30.

Il giorno di Pasqua le mostre allestite presso le sedi espositive di Palazzo Reale (“The desire for freedom. Arte in Europa dal 1945”, “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter”) e del PAC (“Jeff Wall/Actuality”) potranno essere visitate con i normali orari di apertura, dalle ore 9.30 alle 19.30. Il lunedì di Pasquetta Palazzo Reale e PAC resteranno aperti in via straordinaria dalle ore 9.30 alle 19.30.

Un biglietto cumulativo, del costo di 16 euro intero e 14 euro ridotto, è disponibile per coloro che decideranno di visitare sia la mostra di “Modigliani” sia “The desire for freedom”. Il biglietto è comprensivo di audioguida.

Tortona Design Week: a tutto Food

LOGO_MIGUSTOCibo e design, cibo come metafora, come mezzo, come strumento di espressione e racconto, cibo come forma e sostanza: come contenuto. Il cibo è uno dei grandi protagonisti della TDW 2013.

Esposto, interpretato, di strada, preparato a vista, in showcooking, elaborato da chef stellati, esotico o delle cascine lombarde. I 120 mila visitatori attesi nel quartiere troveranno ogni genere di esperienza legata al cibo e ai sensi – palatali, olfattivi, visivi – che ad esso si legano.

1) MI GUSTO TORTONA – FARMER & GOURMET EXPERIENCE

Si parte con la seconda edizione di MI gusto Tortona – Farmer & Gourmet Experience, un evento nato da un’idea di Tortona Area Lab e sviluppato in collaborazione con l’Associazione Maestro Martino, presieduta dallo Chef Carlo Cracco e dalla CIA – Confederazione Italiana Agricoltori di Milano – Lodi e Brianza.

Opening 8 aprile alle 18,30: showcooking di Carlo Cracco

 2) MENU “STELLATO” AL DADA CAFE’ – SUPERSTUDIO PIU’

Ogni sera dal 9 al 14 aprile al Dada Cafè di Superstudio Più verrà proposto un menu à la carte, con nuove esperienze di food – design, firmato dallo Chef Fabio Baldassarre. I piatti sono scelti dal suo libro “0 41- pensieri, ricette, visioni. Le radici e i sogni della buona cucina”.

3) THAI-A-SPICE

Dal 9 al 14 aprile, Slow Hand Design – alla sua terza edizione presenta: Thai-a-Spice presso lo spazio Superstudio Più in via Tortona 27.

Il progetto espositivo, curato da Eggarat Wongcharit, studioso e designer tailandese, presenterà l’artigianato e l’arredo legati alla Tavola e al “Thai Food.

 4) LAVAZZA EXPERIENCE CON RCS

TDW 2013 è l’occasione per illustrare la storica relazione di Lavazza e il mondo degli chef e dell’alta gastronomia. L’appuntamento è allo spazio Lavazza Experience con RCS per Food & Design: saranno proposte degustazioni, laboratori di formazione e informazione dedicati a tutto ciò che ruota intorno al mondo del caffè.

Fabbrica dei Giardini | via Savona 50

 5) ABCD – ARTE, BUONA CUCINA E DESIGN

Presso il Magna Pars Event Space prende vita ABCD: un progetto che vuole unire al mondo design quello del cibo d’autore: nella casa ABCD si alterneranno chef come David Galantini del Caffè Ambrosiano di Milano, Luciano Monosilio del Pipero al Rex di Roma, Aurora Mazzucchelli del Ristorante Marconi di Sasso Marconi, Lucio Pompili del Ristorante Symposium di Cartoceto e Carlo Cracco, che sarà protagonista di uno speciale show cooking insieme a TVS, nel corso del quale si insegnerà il ritorno alla semplicità dei sapori e dei gesti quotidiani.

Magna Pars Event Space – Via Tortona,15.

Evento Presentazione su INVITO:12 Aprile 2013 dalle h.19.00 – Special Guest Carlo Cracco e Karim Rashid

6) INNOVATIVE TRADITION TIME TO CONNECT, BY WHIRLPOOL

Nell’inedita location Officine Savona, per tutta la settimana, i consumatori potranno riscoprire il valore del tempo, il piacere di dedicarsi alle proprie passioni e di “entrare in connessione” con le persone grazie ai numerosi appuntamenti ed eventi speciali organizzati da Whirlpool. Momenti speciali non solo per gli adulti, ma anche per i bambini che potranno divertirsi a giocare a fare gli chef durante i mini corsi a loro dedicati.

 Per gli appassionati di cucina Whirlpool propone ogni giorno dalle 11.00 alle 13.00 e martedì, giovedì e venerdì dalle 16.00 alle 18.00 speciali dimostrazioni con gli chef Whirlpool che vi guideranno alla scoperta della cucina al microonde e del nuovissimo forno a induzione. Verranno svelati tutti i segreti per realizzare gustosissime ricette con elettrodomestici dalle performance eccezionali. Sarà un’occasione davvero unica per riscoprire e dedicarsi alle proprie passioni. Officine Savona, Via Savona 35

7) NHOW FOOD

nhow Milano dedica le aree food del design hotel a gustosi appuntamenti.

Da mercoledì 10 a domenica 14 il nhow Restaurant propone lunch a buffet con show cooking e international dishes.

nhow Hotel, Via Tortona 35.

8) CALIFORNIA BAKERY

Temporary restaurant all’interno di Opificio 31

Un dolcissimo angolo d’America: California Bakery ha aperto le sue porte a Milano nel 1996. Da questo primo indirizzo, il profumo delle cose buone appena sfornate è riuscito a conquistare tanti clienti e amici che abitano a Milano e altri che vengono appositamente in città, per trovare un dolcissimo angolo di America in sette luoghi che curiamo in ogni minimo dettaglio. Officina 1 – Opificio 31 | via Tortona 31

Passeggiate Fotografiche al Monumentale di Milano

impossible milanoIl Monumentale di Milano è uno straordinario museo a cielo aperto,  con opere dei più importanti scultori ed artisti italiani da Medardo Rosso a Lucio Fontana, immersi in un’atmosfera rarefatta che ci fa sentire in un luogo sottratto allo scorrere del tempo.

L’Impossible Corner di Milano, in collaborazione con Milano Magazine, propone una passeggiata fotografica per il prossimo 7 aprile 2013 dalle 11.00 alle 18.00

Un’occasione unica per mettere alla prova lo spirito artistico e creativo di ognuno.

Ad ogni partecipante verrà fornita una pellicola ed il simpatico “Impossible lunch box” contenente uno spuntino e dei piccoli gadget.

Per chi ne fosse sprovvisto l’Impossible Corner fornirà una macchina fotografica Polaroid per realizzare gli scatti della giornata.

In data 14 aprile 2013, dalle ore 11, presso l’Impossible Corner Store, il fotografo Giancarlo Pagliara visionerà le fotografie di questa giornata di ogni singolo partecipante.

Euro 60,00

Info e prenotazioni allo 0236593924 o a impossible@barbarafrigeriogallery.it

Io Odio i Talent Show al Nuovo di Milano

teatro nuovoIo odio i Talent Show al Nuovo di Milano il 5 aprile ore 20.45 

“Io odio i talent show – Adesso canto io” è il primo spettacolo teatrale di Mario Luzzatto Fegiz, il critico musicale più famoso d’Italia, che così ci introduce al proprio psicodramma: “Un critico musicale, un tempo temuto e rispettato, si trova a doversi confrontare con una nuova realtà: quella dei social network, i talent show, i televoti, gli SMS, improbabili giudici dal retroterra culturale esile. Abituato dagli anni settanta a fare il bello e il cattivo tempo, oggi il tapino viene esautorato da una contestazione che agisce in tempo reale, con i fan degli artisti pronti a coglierlo in fallo fra lazzi e insulti. Addestrato ad operare con delle certezze musicali planetarie come Elton John o i Beatles o con personaggi italiani di grande caratura scopre una sgradevole realtà: artisti che lui detesta o ignora hanno successo anche senza la sua benedizione”.

Fegiz odia i talent show perché hanno posto fine alla dittatura della (sua) critica.

Così, in un crescendo tragicomico, racconta con sorprendente umorismo e istrionico carisma episodi sconosciuti, leggende, fatti e svariati misfatti vissuti in prima persona insieme ai grandi protagonisti degli ultimi 40 anni di musica in Italia. In circa un’ora e mezzo ricca di emozioni e colpi di scena Mario Luzzatto Fegiz, accompagnato sul palco dai musicisti Roberto Santoro (voce, chitarra ed effetti) e Vladimir Denissenkov (fisarmonica russa), in una sorta di delirio-vendetta-sfogo percorre un folle viaggio fra canzoni celebri (interpretate da Santoro) e decine di aneddoti, che riguardano tanto le leggende come Tenco, De Andrè, Dalla, Michael Jackson o Elton John, quanto gli artisti più popolari degli ultimi decenni, come Vasco, Pausini, Madonna e Ramazzotti, fino agli odierni idoli da talent come Alessandra Amoroso, Arisa, Giusy Ferreri e Marco Carta, le loro canzoni, il festival di Sanremo con i suoi retroscena, insomma tutto ciò che ci si può aspettare da chi, nel corso della sua carriera, ha incontrato più di 1.000 artisti italiani e stranieri.