Aiuti alle Librerie dal Comune di Milano

libri-forumDopo il bando che ha consentito di riaprire la storica ‘Calusca’ e i canoni sostenibili per Rizzoli e Bocca in Galleria, penseremo a nuovi spazi comunali da destinare alle librerie e ad agevolazioni per le attività già esistenti. Come il bando da 500 mila euro destinato alle piccole realtà commerciali che decidono di riqualificare e che proprio alle librerie riconosce particolari premialità”.

Lo annunciano gli assessori Lucia Castellano (Casa, Demanio e Lavori pubblici), Stefano Boeri (Cultura, Moda e Design) e Franco D’Alfonso (Commercio e Attività produttive), che nell’arco della giornata hanno fatto visita alla sede della libreria ‘Utopia’ di via Moscova in segno di vicinanza e attenzione ad un settore particolarmente colpito dalla crisi.

“Questa Giunta – aggiunge l’assessore alla Casa e Demanio Lucia Castellano – si sta impegnando concretamente per riempire spazi vuoti e inutilizzati in tutta la città. E l’attenzione alle librerie, colpite particolarmente dalla crisi, testimonia la volontà di valorizzare, non solo mettendo a reddito le proprietà demaniali, tutti quei progetti in grado di arricchire culturalmente e socialmente la vita dei quartieri”.

“Per aiutare le librerie, oltre a contenere i prezzi degli affitti per i locali di proprietà comunale, è fondamentale da un lato costruire una rete di quartiere tra librerie e biblioteche, che promuova la lettura con iniziative coordinate –  ha dichiarato l’assessore alla Cultura Stefano Boeri -; dall’altro stabilire una relazione permanente con il mondo dell’editoria. Per questo abbiamo invitato la rete delle librerie indipendenti a un incontro già fissato a Palazzo Reale con gli editori e le biblioteche civiche il prossimo 15 gennaio”

Annunci

Elephant Parade: dopo le Mucche ecco gli Elefanti

A Milano, dopo le mucche, arrivano gli elefanti.

Ebbene si, dopo la «Cow Parade», quando le strade del centro fuono invase da mucche artistiche e colorate, quest’anno spazio agli elefanti: ottanta esemplari a grandezza naturale dal 16 settembre che faranno dal 16 settembre buona guardia alla città, dal Castello a Malpensa, da Bulgari a C.so Como.

Oiettivo: raccogliere fondi per la salvaguardia degli elefanti asiatici e per Telethon.

Il  22 novembre saranno battuti all’asta e i ricavati andranno ad aggiungersi a quelli delle altre città europee in cui si è svolta una manifestazione analoga.

Atm : orari Agosto 2011

Atm non chiude per ferie, ma in agosto cambia l’orario.

Dal 1 al 20 agosto, sulla metropolitana meneghina sarà in vigore l’orario del sabato nei giorni dal lunedì al venerdì, sabato e domenica le frequenze saranno quelle dei giorni festivi.

Dall’8 al 19 agosto bus, filobus e tram seguiranno le frequenze del sabato dal lunedì al sabato; domenica l’orario festivo.

Servizio regolare per i  radiobus di quartiere, mentre il bus by night chiude il servizio dal 30 luglio al 9 settembre.

La metropChiusa per manuntenzione dal 31 luglio al 21 agosto la metrolitana leggera che collega Cascina Gobba con l’ospedaleSan Raffaele 

I  parking di San Leonardo, Molinetto di Lorenteggio e Quarto Oggiaro saranno aperti gratuitamente, ma incustoditi dalle 20 di sabato 23 luglio alle 7 di lunedì 29 agosto.
I parcheggi di Romolo
, Cologno Nord e Gessate saranno aperti senza la presenza di personale ATM dalle 20 di sabato 13 agosto alle 7 di lunedì 22.

Chiuso dalle 20 di sabato 23 luglio alle 7 di lunedì 29 agosto il parcheggio di Crescenzago.

Piscine all’aperto a Milano

Tempo d’estate tempo di nuotate e di tuffi.

Chi a luglio ed agosto rimane a Milano non disperi.

Ecco l’elenco delle piscine all’aperto:

  • Lido di Milano.  nei pressi di Lotto
  • Saini,  in zona Forlanini
  • Cardellino,  in Forze Armate.
  • Centro Balneare Lampugnano
  • Argelati sui Navigli
  • Scarioni, nel quartiere Niguarda
  • Solari a Sant’Agostino
  • Sant’abbondio a  Gratosoglio
  • Ponzio in Città Studi.
  • Gardaland Waterpark a  Baggio.

Gite Fuori Porta: il Buco del Piombo

Oggi per le gite fuori porta, tempo permettendo, se amate la natura e camminare all’aria aperta vi suggeriamo di raggiungere Albavilla, qualche chilometro sopra Erba (circa 40 chilometri da Milano) e il Buco del Piombo, una delle grotte visitabili di questa zona, così naturilisticamente ricca.

L’ingresso è colossale e scenografico, paragonabile per dimensioni al Duomo di Milano; misura circa 45 metri di altezza per 38 di larghezza. La grotta si estende per più di 400 metri e, in alcune parti, non è ancora  esplorata. Vi sono stati ritrovati numerosi resti d’interesse paleontologico appartenenti all’ Ursus Spelaeus, nonché selci e utensili lasciati da cacciatori nomadi fin dall’era paleolitica.  La grotta venne usata nel corso della storia come rifugio, come testimonia il colossale muro di ingresso che l’ha resa fortificata e veniva utilizzata come rifugio durante le invasioni e guerre.
La leggenda racconta che nel 1160 gli erbesi vi si rifugiarono dopo aver vinto la battaglia di Carcano contro il Barbarossa e che nel 1316 il nobile cavaliere Guelfo Parravicini vi si ritirò per stendere il suo testamento. La grotta fu meta di visite di studiosi e villeggianti sin dall’800; si ricorda in particolare la regina Margherita di Savoia come assidua frequentatrice.

Si accede solo tramite visite guidate ogni 45 minuti, suggeriamo abbigliamento comodo e una felpa.

Da Albavilla si può raggiungere in auto o a piedi la localita “Alpe del Vicerè” (903m; ampio parcheggio); qui inizia una comoda strada sterrata in discesa che porta al Buco del Piombo (Ore 0.45).
Sempre da Albavilla, piazza Fontana, si può seguire in auto la segnaletica “Trattoria Alpina – Buco del Piombo” e parcheggiare alla località “Zoccolo”.
Da lì una passeggiata pianeggiante nel bosco conduce alla grotta (ore 0.20).

Torre Velasca: quale Futuro

Torre Velasca: quale futuro?

La notizia che circola in consiglio comunale dovrebbe far allarmare i milanesi. Si parla di abbattimento. Abbattimento di uno degli edifici simbolo della città che racconta parte della sua storia architettonica ed industriale.

Il primo passo è stata la richiesta di Fondiaria Sai, che fa capo al gruppo Ligresti,  per eliminare i vincoli di bene culturale e mantenere solo quelli paesaggistici, quindi in linea di teoria l’abbattimento poteva essere preso in considerazione.

Bocciata ma niente caso chiuso. La consigliera di opposizione Milly Moratti, moglie del presidente dell’Inter Massimo Moratti e cognata del sindaco Letizia Moratti, ha proposto di ridiscutere l’osservazione sulla Torre Velasca.

Vi terremo aggiornati.