Aiuti alle Librerie dal Comune di Milano

libri-forumDopo il bando che ha consentito di riaprire la storica ‘Calusca’ e i canoni sostenibili per Rizzoli e Bocca in Galleria, penseremo a nuovi spazi comunali da destinare alle librerie e ad agevolazioni per le attività già esistenti. Come il bando da 500 mila euro destinato alle piccole realtà commerciali che decidono di riqualificare e che proprio alle librerie riconosce particolari premialità”.

Lo annunciano gli assessori Lucia Castellano (Casa, Demanio e Lavori pubblici), Stefano Boeri (Cultura, Moda e Design) e Franco D’Alfonso (Commercio e Attività produttive), che nell’arco della giornata hanno fatto visita alla sede della libreria ‘Utopia’ di via Moscova in segno di vicinanza e attenzione ad un settore particolarmente colpito dalla crisi.

“Questa Giunta – aggiunge l’assessore alla Casa e Demanio Lucia Castellano – si sta impegnando concretamente per riempire spazi vuoti e inutilizzati in tutta la città. E l’attenzione alle librerie, colpite particolarmente dalla crisi, testimonia la volontà di valorizzare, non solo mettendo a reddito le proprietà demaniali, tutti quei progetti in grado di arricchire culturalmente e socialmente la vita dei quartieri”.

“Per aiutare le librerie, oltre a contenere i prezzi degli affitti per i locali di proprietà comunale, è fondamentale da un lato costruire una rete di quartiere tra librerie e biblioteche, che promuova la lettura con iniziative coordinate –  ha dichiarato l’assessore alla Cultura Stefano Boeri -; dall’altro stabilire una relazione permanente con il mondo dell’editoria. Per questo abbiamo invitato la rete delle librerie indipendenti a un incontro già fissato a Palazzo Reale con gli editori e le biblioteche civiche il prossimo 15 gennaio”

Annunci

BIT 2012 – dal 16 al 19 febbraio a FieraMilano

Si è aperta oggi l’edizione 2012 della BIT, BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO, ormai consolidato appuntamento per gli operatori del settore ma anche per i viaggiatori incalliti.

Più di 2000 espositori provenienti da 130 paesi del mondo riempiranno gli oltre 100’000 metri quadrati di superficie espositiva predisposta al polo fieristico di Rho, per un flusso previsto di circa 100’000 tra utenti privati, venditori, tour operator e giornalisti (questi ultimi da soli saranno circa 4000).

Insomma un evento dai numeri impressionanti, come al solito, anche se a guardar bene forse in leggero calo rispetto agli anni passati. Quest’anno, forse per la crisi-che in parte ha colpito anche il settore turistico- forse un po’ per le incertezze riguardo agli asset geopolitici futuri, i paesi esteri hanno investito meno del solito nella promozione turistica: lo stand della Francia è praticamente sparito, quello della Grecia si è ridotto a un piccolo gazebo con qualche opuscolo in carta semplice.

Insomma non c’è il solito fermento tra gli enti del turismo dei paesi europei, tranne ovviamente alcune ovvie eccezioni: la Germania va alla grande, così come Slovenia e Croazia che da sempre puntano molto sulla promozione turistica in Italia.

Per quanto riguarda i paesi extraeuropei spiccano le iniziative colorite di alcuni paesi del sud-est asiatico: la Malesia col suo spettacolino di musica tipica e l’offerta di piatti a base di riso, il Vietnam, e infine la Cina con uno stand proporzionato alle dimensioni del paese, che è comunque il più popolato al mondo.

Ancor più entusiasmante il padiglione italiano, dove gli stand, suddivisi per regione, fanno a gara per appariscenza e sfarzo: al primo posto di sicuro ci sono la Puglia, con la sua offerta di assaggi gastronomici, il Friuli con un “palco” televisivo e un simulatore di volo delle frecce tricolori assolutamente iper-tecnologico (proveniente dalla base aeronautica di Aviano, Pordenone).

Per la prima volta poi BIT si fonde con EUDI SHOW, l’evento fieristico del mondo della subacquea, amatoriale e professionale, per cui con un unico biglietto è possibile visitare un padiglione interamente dedicato a mute, erogatori, bombole, compressori e non da ultimo scafandri subacquei per attrezzature fotografiche.

Più o meno invariato rispetto agli anni scorsi il padiglione “tourism collection”, riservato comunque ai soli operatori professionali.

Nel complesso, un’idea per una domenica diversa, soprattutto col freddo di febbraio, per fantasticare su vacanze da sogno e perché no procurarsi informazioni e consigli per passare l’estate nel migliore dei modi.

Prezzi e orari per il pubblico:

Sabato 18 e Domenica 19 febbraio dalle 9:30 alle 18:30;

1 GG. PRE-REGISTRATO-PREVENDITA € 10,00;

1 GG. INTERO € 15,00

Sono previste agevolazioni per gli studenti di scuole superiori a indirizzo turistico.

http://www.bit.fieramilano.it/content/orari-e-tariffe

Festa dei Lavoratori a Milano: Programma

Oggi i lavoratori sono in piazza per festeggiare, come tradizione, la loro festa.
A Milano il Comune ha firmato la deroga per l’apertura dei negozi in questa giornata.
La cosa indigna i lavoratori e i sindacati.

Tanti gli eventi organizzati.

Ci sarà il corteo di CGIL, CISL e UIL che partirà da Porta Venezia alle 9.30 e si concluderà in Piazza della Scala dove interverranno dei lavoratori e i tre Segretari Generali CGIL, CISL UIL di Milano.

Alle 15.00 a Largo Marinai d’Italia ci sarà una cerimonia dedicata ai morti sul lavoro.

Alle 18.00 al Teatro Orfeo ci sarà lo spettacolo ‘Improvvisamente l’estate scorsa’ con ingresso gratuito.

Poi spazio alla MAY-DAY PARADE.: l’undicesima edizione della manifestazione, voluta dalla Confederazione unitaria di base (Cub) e a cui prendono parte centri sociali e immigrati e tutti i giovani che condividono le idee proposte dalla MAY-DAY.

Quest’anno il corteo partirà alle 14.00 da piazza XXIV maggio e si arriverà, passando da via Torino e Piazza Duomo (l’autorizzazione è stata data), alla Triennale.

Gite Fuori Porta: il Buco del Piombo

Oggi per le gite fuori porta, tempo permettendo, se amate la natura e camminare all’aria aperta vi suggeriamo di raggiungere Albavilla, qualche chilometro sopra Erba (circa 40 chilometri da Milano) e il Buco del Piombo, una delle grotte visitabili di questa zona, così naturilisticamente ricca.

L’ingresso è colossale e scenografico, paragonabile per dimensioni al Duomo di Milano; misura circa 45 metri di altezza per 38 di larghezza. La grotta si estende per più di 400 metri e, in alcune parti, non è ancora  esplorata. Vi sono stati ritrovati numerosi resti d’interesse paleontologico appartenenti all’ Ursus Spelaeus, nonché selci e utensili lasciati da cacciatori nomadi fin dall’era paleolitica.  La grotta venne usata nel corso della storia come rifugio, come testimonia il colossale muro di ingresso che l’ha resa fortificata e veniva utilizzata come rifugio durante le invasioni e guerre.
La leggenda racconta che nel 1160 gli erbesi vi si rifugiarono dopo aver vinto la battaglia di Carcano contro il Barbarossa e che nel 1316 il nobile cavaliere Guelfo Parravicini vi si ritirò per stendere il suo testamento. La grotta fu meta di visite di studiosi e villeggianti sin dall’800; si ricorda in particolare la regina Margherita di Savoia come assidua frequentatrice.

Si accede solo tramite visite guidate ogni 45 minuti, suggeriamo abbigliamento comodo e una felpa.

Da Albavilla si può raggiungere in auto o a piedi la localita “Alpe del Vicerè” (903m; ampio parcheggio); qui inizia una comoda strada sterrata in discesa che porta al Buco del Piombo (Ore 0.45).
Sempre da Albavilla, piazza Fontana, si può seguire in auto la segnaletica “Trattoria Alpina – Buco del Piombo” e parcheggiare alla località “Zoccolo”.
Da lì una passeggiata pianeggiante nel bosco conduce alla grotta (ore 0.20).

Formigoni: si al Nucleare ma non in Lombardia

Appoggio al nucleare e alla costruzioni di centrali in Italia, ma non in Lombardia.

Questo il sunto del discorso del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni che si conferma favorevole all’energia nucleare, ma che non vuole centrali nella nostra Regione.

 «In Italia ci possono essere quattro-cinque centrali, come il governo ha saggiamente deciso. Sul nucleare la nostra posizione è nota: riteniamo che il paese si debba dotare di centrali nucleari e quando il governo italiano sarà pronto discuteremo con le Regioni per l’individuazione dei migliori siti»

 «Dalle informazioni che ho – dice Formigoni – non pare al momento che in Lombardia ci siano siti adeguati».

Si al nucleare ma giustamente nessuno lo vuole a casa propria. E allora perchè non lasciamo perdere e proviamo con le energie rinnovabili, seguendo il processo fatto da altri Paesi, ben all’avanguardia in questo settore come la Germania?

Torre Velasca: quale Futuro

Torre Velasca: quale futuro?

La notizia che circola in consiglio comunale dovrebbe far allarmare i milanesi. Si parla di abbattimento. Abbattimento di uno degli edifici simbolo della città che racconta parte della sua storia architettonica ed industriale.

Il primo passo è stata la richiesta di Fondiaria Sai, che fa capo al gruppo Ligresti,  per eliminare i vincoli di bene culturale e mantenere solo quelli paesaggistici, quindi in linea di teoria l’abbattimento poteva essere preso in considerazione.

Bocciata ma niente caso chiuso. La consigliera di opposizione Milly Moratti, moglie del presidente dell’Inter Massimo Moratti e cognata del sindaco Letizia Moratti, ha proposto di ridiscutere l’osservazione sulla Torre Velasca.

Vi terremo aggiornati.

Caso Ruby: Nicole Minetti dai PM

Nicole Minetti,  il prossimo 1 febbraio  si presenterà ai pm di Milano per rispondere delle accuse di  favoreggiamento alla prostituzione.

La consigliera regionale del pd si era vista recapitare qualche giorno fa un invito a comparire.

L’ex igenista dentaria di Berlusconi poi inserita nelle liste per la regione del pdl era finita nell’occhio del ciclone per aver ottenuto la custodia dell’allora minorenne marocchina Ruby, quando era stata fermata dalla polizia.